Femminicidio – abuso e violenza: riconoscere e intervenire

By | 5 ottobre 2017

Continua il progetto editoriale dedicato alla psicologia divulgativa della Reverdito edizioni.

Un nuovo libro si aggiunge alla fortunata collana di psicologia divulgativa

 di Beppe Amico

Sulla scia del successo ottenuto dal saggio dedicato al fenomeno del Cyeberbullismo, uscito nel maggio scorso per la Reverdito di Trento e del quale abbiamo parlato in un nostro precedente articolo, è disponibile da alcune settimane un’opera dal tema quanto mai attuale: il Femminicidio, fenomeno del quale si è cominciato a parlare in modo sempre più crescente già verso la fine del decennio scorso e che, come il Cyberbullismo, ha rischiato di diventare un vero e proprio allarme sociale.

La televisione e i mass media, purtroppo, ogni giorno ci informano di nuovi casi di violenza di genere. Non solo sulle donne ma anche sui bambini, gli anziani e persino sugli ammalati o gli emarginati e tali atti, in alcuni casi sono così gravi ed efferati, al punto che lo Stato ha dovuto prendere provvedimenti urgenti per arginare un fenomeno che si andava diffondendo in maniera preoccupante, approvando un pacchetto di norme a tutela delle vittime di Femminicidio e di violenza di genere.

Nella Premessa al libro “Femminicidio” scritto a tre mani da Marco Monzani, Marcello Paiar e Maristella Paiar, il dott. Michele Facci, curatore della Collana dedicata alla “Psicologia divulgativa” della Reverdito edizioni, si chiede se “legiferare con urgenza, lanciando allarmi talvolta infondati, è davvero una buona azione a tutela delle vittime”.  Egli sottolinea che è piuttosto opportuno conoscere il fenomeno fino in fondo e far sì che circoli un’informazione corretta che non sia solo basata “sull’impulsività dell’impatto mediatico, quanto piuttosto su attente riflessioni”.

Nel volume vengono infatti presi in considerazione alcuni dati statistici relativi al femminicidio e alla violenza di genere che sono in parte confortanti. Gli autori segnalano che “negli ultimi 5 anni le violenze fisiche o sessuali sono passate dal 13,3% all’11,3%” e questo è avvenuto grazie ai frutti di una buona informazione e alla consapevolezza della gravità del fenomeno soprattutto da parte delle vittime che si sono impegnate a prevenire e combattere le violenze.

Sono in calo anche la violenza fisica e quella sessuale e il dato riferito alla violenza sulle studentesse passa dal 17,1% all’11,9%. In diminuzione sensibile anche le percentuali relative alle violenze psicologiche che passano dal 42,3% al 26,4%).

Tuttavia ai confortanti dati positivi si affiancano anche quelli negativi come quello della violenza, degli stupri e i tentati stupri ai danni delle donne, che restano fermi all’1,2%.

Inoltre, come segnalano gli autori, “le violenze sono più gravi” e le percentuali in aumento sono in certi casi davvero consistenti attestandosi talora ad un +15-20%.

Da quando nel 2013 è entrata in vigore la Legge sul Femminicidio e la violenza di genere, il fenomeno si è molto evoluto, soprattutto per ciò che riguarda la sensibilizzazione dell’opinione pubblica e le vittime possono ora contare su una serie di strumenti davvero efficaci sia per prevenire che per arginare i vari tipi di violenza perpetrata ai loro danni.

Il libro “Femminicidio” tuttavia non è un Manuale giuridico, ma ha l’intento – come sottolinea il dott. Facci nella Premessa, di “riposizionare il fenomeno all’interno di una visione scientifica che possa concretamente essere di aiuto ai professionisti”.

Sulla quarta di copertina si legge che il saggio analizza il fenomeno del femminicidio indagando anche le variabili psicologiche, criminologiche e giuridiche. E’ un testo rivolto sia ai professionisti dell’area socio-sanitaria (medici, psicologi, assistenti sociali, educatori), sia a quelli del comparto legale (avvocati, criminologi e giudici).

E’ disponibile dal settembre scorso in tutte le librerie italiane e sul sito dell’editore: www.reverditoeditore.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
5 − 5 =


*