I Segreti della Quinta Dimensione – i mondi al di là del tempo – Rivelazioni sull’aldilà di un’anima beata

By | 21 gennaio 2018

Che cosa accade nel momento della morte?

Come sarà la nostra vita nell’aldilà?

Come vivono i beati del Cielo?

Quali caratteristiche avremo quando arriveremo nell’eternità?

Che cos’è la quinta dimensione dell’eternità creata?

Perché durante la nostra vita terrena dobbiamo vivere in una condizione limitata al solo momento presente e non possiamo collocarci in altre dimensioni temporali?

E’ vero che nell’aldilà troveremo il riscatto da ogni frustrazione vissuta durante la nostra esistenza terrena?

E in che modo vivremo questa nuova ed entusiasmante esperienza di vita?

Questo straordinario libro dal titolo “I Segreti della Quinta Dimensione – i mondi al di là del tempo” è il commento articolato e dettagliato di una straordinaria rivelazione privata di un’anima beata ad un comune mortale; tenta di fornire qualche risposta alle tantissime domande sulla vita dopo la morte e sui mondi al di là dello spazio e del tempo, attraverso interessanti e plausibili tesi sottoscritte anche da noti teologi, religiosi e studiosi di fama mondiale come ad esempio il vescovo salvadoregno Mons. Oscar Romero.

Il giornalista cattolico Beppe Amico, che dopo la lettura di questa meravigliosa e consolante rivelazione sull’aldilà ha testimoniato di aver finalmente compreso molti dei misteri della vita oltre il tempo, traccia un articolato commento al libro rivelazione del medico messicano Ricardo Perez Hernàndez dal titolo “Al di là dello spazio e del tempo” pubblicato anche in Italia negli anni ’70 da alcune case editrici.

Si tratta di una serie straordinaria di rivelazioni che hanno purtroppo avuto una modesta diffusione e che vale la pena di rilanciare in un momento così delicato della storia umana. Provengono da un dialogo tra un’anima beata e uno scienziato avvenuto durante un’esperienza mistica da lui vissuta.

Ciò che vi proponiamo – scrive il curatore nella Premessa del libro – è lo svelamento di un segreto che fino ad oggi è rimasto quasi del tutto celato pur essendo stato per più di quarant’anni sotto i nostri occhi.

Si tratta di qualcosa che riveste un ruolo di primaria importanza per le nostre vite ed ancor più per il nostro futuro. È un “affare” di cui dobbiamo necessariamente occuparci perché, come vedremo più avanti, se lo faremo sul serio, sarà meglio di aver vinto il primo premio di una Lotteria nazionale.

Se avrete modo di leggere il libro del medico messicano nella sua versione integrale dal titolo “Al di là dello spazio e del tempo” delle edizioni Villadiseriane, al cui testo l’autore si è ispirato per il commento della presente opera, capirete che il colloquio fra lui e l’anima beata di Teneramata avviene in un diverso spazio temporale.

Durante una frazione infinitesimale di secondo, detto picosecondo, i due visitano l’anno 1923 e si recano in un paesino del Messico per rivivere alcuni momenti di una festa che avevano trascorso insieme da bambini.

Nel corso di questo straordinario racconto di Teneramata e del suo ospite, possiamo intravvedere alcuni meravigliosi aspetti della vita oltre la morte e capirne certi meccanismi che, se ben compresi, potrebbero forse spiegare i concetti che stanno alla base di una certa fenomenologia para piscologica ed anche di tematiche molto controverse come i viaggi nel tempo, la precognizione e la conoscenza infusa di cose che ancora devono accadere.

Quanto riferito nel libro sta a dimostrazione del fatto che davvero i beati nell’aldilà avranno delle caratteristiche del tutto diverse dai corpi dei mortali. Sembra che potranno diventare autentici “superuomini”, che riusciranno a dominare e a manipolare l’energia ed interagire nei diversi spazi-temporali compiendo viaggi lunghissimi in tempi brevissimi.

Quanto affermato nell’opera ci riporta anche ad un’altra interessante considerazione riguardo al fatto che – come sostengono alcuni studiosi – coloro che si trovano nelle dimensioni dell’oltretomba vivono dove viviamo noi ma in un altro para-tempo e continuano la loro esistenza senza che noi ce ne accorgiamo.

Sembrerebbe che queste anime si muovano ad una velocità tale che la nostra retina non è in grado nemmeno di metterle a fuoco e quindi di percepirle sensibilmente. Un picosecondo dell’aldilà – come riferito dall’anima beata di Teneramata – corrisponde ad un tempo terreno lunghissimo in cui accadono moltissime cose.

Dice Teneramata, amplificando ancor di più l’attraente prospettiva della vita futura: Il più piccolo dei glorificati può collocarsi coscientemente almeno in tre o quattro spazi-tempi, contemporaneamente. Io lo posso fare in sette ubicazioni contemporanee soltanto, perché il mio grado di Gloria è molto piccolo. Alcuni Beati hanno la capacità di multilocarsi milioni e milioni di volte, e godono e fanno godere in maniera indicibile” (Op. cit. Edizioni Villadiseriane).

Questa lettura fa senz’altro rinascere in noi il desiderio del possesso della Patria Celeste e ci incoraggia ad un maggiore impegno nel cammino di fede per raggiungere quello che è il nostro fine ultimo: il sommo Bene.

Ecco alcuni passi tratti dall’edizione originale del libro “Al di là dello spazio e del tempo”:

La Creazione è infinita nelle sue cinque dimensioni: le tre dimensioni dello spazio, e in più il tempo e l’eternità creata”.

“Le quattro classiche dimensioni non bastano a decifrare l’enigma della Creazione, il senso della vita e dell’amore, il mistero del logorio e della fine delle cose, il perché delle catastrofi e delle catene alimentari, la tragedia della morte e le questioni escatologiche dell’Aldilà…”.

“Il mondo soffre più del dovuto per colpa della sua deliberata ribellione contro la Volontà del Signore. Si vuole risolvere i problemi con mezzi mondani, con esclusione assoluta del Creatore. La religione si riduce ad una psicoterapia periodica di aspirine, per calmare momentaneamente l’egoismo. E ovviamente, l’Amore Divino, vedendosi respinto, si ritrae per elementare delicatezza, e i migliori piani vanno a monte”.

“L’uomo mortale non usa mai, in pratica, la quinta dimensione, perché vive con la coscienza legata al momento presente”.

“Innumerevoli beati, viaggiando attraverso il tempo, contemplano gli avvenimenti quotidiani su questa terra oscurata dal peccato”.

“Gli amori impossibili sulla terra, saranno interamente compiuti nel Cielo”.

Dopo la fine dell’umanità viatrice, noi glorificati potremo ritornare al passato e vivere la realizzazione dei desideri onesti che si frustrarono in questo mondo”.

“Gli esseri si trasformano nel momento presente, ma sussistono incolumi nel passato”.

“…Dopo la buona morte, l’organismo intero, ormai libero dal legame della sua coscienza con l’istante attuale, è in grado di agire coscientemente ed in modo differenziato con qualsiasi degli stadi biologici della sua vita passata, conservati fedelmente nella quinta dimensione. E gli è possibile vivere in onde temporali molto diverse”.

Il libro è disponibile in versione e-book e in carta stampata nelle migliori librerie della rete.

In versione digitale e-pub e Mobi, lo trovate a questo link: https://www.amazon.it/dp/B0795CFR2H/

In brossura su carta stampata lo trovate qui: www.lulu.com/content/22445164

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
9 × 14 =


*