Romanzi e racconti – la regola base: la credibilità

By | 10 aprile 2015

scrivere-incipit42-25270527-U3052694740183G-U50275087281sBD-640x454@IoDonnaIl successo di un racconto o di un romanzo dipende da molti fattori. Lo sviluppo della trama, l’avvicendarsi dei personaggi, la capacità di farli interagire tra loro, l’ambientazione, ecc.

Ma c’è una regola fra tutte dalla quale nessun scrittore può prescindere: la credibilità.

Alcuni scrittori ritengono che questa sia una regola obbligatoria solo per determinati generi quali il romanzo fantastico o dell’orrore, ma secondo il mio modesto parere, l’elemento “credibilità” deve essere presente in tutti i componimenti in prosa.

Dobbiamo subito chiarire che cosa intendiamo per “credibilità”. Secondo me è il grado di probabilità che le vicende narrate possano realmente verificarsi nella vita reale. La domanda che dobbiamo porci quando strutturiamo la trama di un romanzo è capire se realmente quella storia potrebbe verificarsi nella vita di ciascuno di noi.

Questa considerazione, può a mio giudizio, sussistere anche per il genere fantasy e horror a patto che lo stile narrativo sia efficace. Non si tratta solo di scrivere il racconto ma di narrarlo secondo uno stile suo proprio. Qualcuno potrebbe preferire presentare le varie vicende attraverso la lettura di un diario in cui si verificano determinati eventi in ciascun giorno dell’anno, altri presentandole attraverso il racconto di un testimone (voce fuori campo), ecc.

La credibilità è anche saper dosare perfettamente le vicende in modo che possano apparire tra loro consequenziali, riuscire a costruire le azioni dei vari personaggi in modo coerente e tenere memoria di tutti i protagonisti in modo che siano accomunati da una matrice che li lega tra loro, oppure che, pur operando in un contesto avulso dagli altri, possano realizzare azioni di senso compiuto.

Sarebbe imbarazzante per un romanziere dimenticarsi di qualche personaggio. Poniamo ad esempio che abbiate inserito all’inizio o a metà del vostro racconto le vicende di un vecchietto che cade dalle scale durante un terremoto e viene salvato dal suo vicino di casa che lo aiuta a uscire dalle macerie. L’azione poi continua con altre vicende più o meno importanti e il racconto giunge ad un epilogo finale nel quale dovete chiarire che fine ha fatto quel vecchietto salvato dal suo vicino di casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
58 ⁄ 29 =


*