In questo post ci chiediamo se i lettori sono davvero importanti per gli autori. Gli scrittori best-seller parlano dei loro fan con toni quasi reverenziali, esattamente come dovrebbe essere. Un pubblico fedele che torna per saperne di più su un autore, libro dopo libro, è la vera chiave del successo editoriale a lungo termine. Gli autori esperti lavorano diligentemente per produrre grandi opere che continueranno a soddisfare il loro pubblico anno dopo anno, ma molti di loro comunicano anche direttamente ai loro fan. I siti web degli autori oggigiorno sono di gran moda, alcuni di questi sono costruiti in modo piuttosto elaborato. Seguiteci leggendo questo articolo per saperne di più sull’argomento.

Fauzia Burke è fondatrice e presidente di FSB Associates, http://www.fsbassciates.com. La sua azienda è specializzata in pubblicità e marketing attraverso l’utilizzo della rete Internet e i siti degli autori.

Abbiamo chiesto a Fauzia: “Qual è il programma pubblicitario editoriale più insolito che hai sviluppato? “Siamo orgogliosi della nostra capacità di sfruttare tutta la potenza del Web al servizio degli autori e dei loro libri, e siamo particolarmente impegnati a rendere la presenza online adatta a ciascun nostro singolo progetto.

Ecco alcuni esempi: “Il nostro sito per “In Harm’s Way di Doug Stanton” va oltre le parole e le immagini e include interviste audio con i sopravvissuti all’affondamento della USS Indianapolis nel 1945, videoclip dell’effettivo salvataggio in mare e un forum di discussione. La nostra campagna ha presentato il libro a molti spettatori, dai veterani della Seconda guerra mondiale, agli appassionati di storia e fino agli studenti universitari e delle scuole superiori.

I lettori sono importanti per gli autori?

“Per il thriller soprannaturale di Christopher Rice “A Density Of Souls”, abbiamo usato animazione e grafica per creare un luogo di ritrovo online che riecheggia l’atmosfera inquietante del libro e abbiamo aggiunto materiale esclusivo come un annuario virtuale della storia del liceo di New Orleans. Abbiamo anche aiutato a promuovere l’apparizione di Chris su MTV’s Real World.

“Abbiamo usato mappe animate all’avanguardia nel nostro sito per “An Army At Dawn”, vincitore del Premio Pulitzer di Rick Atkinson, per illustrare i punti critici dell’assalto alleato al Nord Africa tenuto dai tedeschi nel 1942-43. L’animazione aiuta a rendere vivo il nostro sito anche per “Blue Latitudes” di Tony Horwitz, combinando una carta nautica che ripercorre i viaggi del Capitano Cook con estratti da passaggi corrispondenti del libro.

«Ma non usiamo campanelli e fischietti fine a sé stessi. Il nostro sito per il romanzo di Mitch Albom richiedeva un approccio più semplice che mettesse al centro della scena la storia calda e la scrittura meravigliosa dell’autore. Poiché questo è il tipo di libro che le persone amano condividere, all’interno delle nostre pagine c’è una cartolina elettronica che i fan possono inviare ai loro amici. Ci sono guide per l’insegnamento e materiali di lettura ed anche una sessione di domande e risposte con Mitch che risponde ai suoi fan. E per l’edizione spagnola del libro, abbiamo creato un sito in lingua spagnola che aiuterà ad ampliare ancora di più il suo pubblico.

“Per tutti questi libri, abbiamo anche condotto campagne di passaparola progettate per attirare l’attenzione dei lettori, aumentare il traffico sul sito e ampliare la copertura mediatica. Alla fine, questi sforzi coordinati hanno prodotto il più soddisfacente di tutti i risultati: le vendite dei loro libri.

Molti siti web di autori sono solo vetrine il cui scopo principale è vendere libri. Altri hanno un’atmosfera molto più intima, invitando i visitatori a: “Entrare per incontrare l’autore” e magari chattare con lui. Quasi nessuno dei grossi autori ha molto tempo e allora c’è da chiedersi: “perché gli autori di best-seller si prendono la briga di rispondere alle e-mail dei fan o pubblicare risposte nelle bacheche dei messaggi sui loro siti Web e aggiornarli continuamente con informazioni sul loro nuovo progetto o su quale media appariranno?”.

Nicholas Sparks, www.nicholassparks.com, il cui primo libro, “The Notebook” ha stabilito un nuovo standard per il romanticismo, risponde a questa domanda: “interagisci con i tuoi fan più di molti autori. Il tuo sito web è particolarmente interattivo, con bacheche e un indirizzo e-mail per farti raggiungere dai fan. Perché hai adottato questo approccio? “La gente – risponde – ha così tante domande sui miei romanzi e vuole sapere di me e della mia vita, c’è molta disinformazione là fuori. Volevo che le risposte corrette fossero presentate in modo che i lettori potessero accedervi facilmente. Il sito web è un modo per assicurarsi che la verità venga realmente fuori. Ad esempio, per rispondere alla domanda: “Da dove ho preso l’idea per The Notebook?”, se dico che è stato ispirato dai nonni di mia moglie, questa è la pura verità e non ho molte altre informazioni. I lettori vogliono saperne di più; ad esempio, mi chiedono: “come è stato ispirato questo libro? In quale modo è stato scritto? Come si è sviluppato l’intero processo di pensiero che ti permettesse di scrivere questo libro? Ho spiegato ai miei fan l’intera struttura della narrazione in modo che capiscano le varie dinamiche.

Questa interazione incoraggia il passaparola sui tuoi libri? «Forse un po’. Ma non a tutti interessa com’è la vita di un autore. I lettori Vogliono solo leggere un buon libro.

I lettori sono importanti per gli autori?

Anna Jacobs, http://www.annajacobs.com, ha scritto 29 romanzi, per lo più saghe storiche e romanzi. Risiede in Australia, il suo editore principale è nel Regno Unito e i suoi libri sono venduti in tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti.

Abbiamo chiesto ad Anna: Gli autori di romanzi rosa sembrano avere un rapporto più personale con i loro fan, interagendo con loro su siti web, bacheche, chat su Internet, incontro di lettura. Perché? Cosa impara un’autrice da questa interazione che la possa aiutare nel suo lavoro? «Non sono sicura – afferma – che siano solo autori di romanzi rosa. Penso che sia l’approccio di una donna. Mi capita di credere che se rimetti qualcosa di buono nell’universo, certamente porterà un buon karma. O come dice mia figlia: quello che gira, torna. Ma mi tengo anche in contatto con i lettori perché se riesci ad ‘conquistarli’ oltre a scrivere buoni libri (quest’ultimo è tuttavia il primo prerequisito) loro parleranno bene dei tuoi libri agli altri.

“Imparo molto dalle e-mail dei miei lettori affezionati su ciò che li ha particolarmente soddisfatti. Questo è molto utile per il mio lavoro. Scrivere è un’attività molto solitaria, quindi è bello di tanto in tanto essere in contatto con gli altri. Abbiamo tutti bisogno di feedback e di lodi. Sono una persona umana come tutti gli altri. Mi piace sentire che qualcuno ha apprezzato i miei libri. È molto più divertente dei dati di vendita.

I lettori sono importanti per gli autori?

Susan Elizabeth Phillips, www.susanelizabethphillips.com, è l’unica scrittrice cinque volte vincitore del premio Romance Writers of America Favorite Book of the Year; inserita nella Romance Writers Hall of Fame, nel 2001, ha aperto la strada, e alcuni dicono, ha perfezionato la scuola di narrativa della “commedia romantica”. Scrive con un tocco di umorismo. Abbiamo chiesto a Susan: “sembri interagire volentieri con i tuoi lettori attraverso il tuo sito web. Hai anche detto che hai diverse categorie di fan, quelli a cui piace l’umorismo e quelli che sono più in sintonia con ciò che accade ai personaggi. In che modo l’interazione dei fan modella la tua scrittura? “Amo i miei lettori – afferma l’autrice – ma faccio del mio meglio per non lasciare che i loro commenti influenzino in alcun modo la mia scrittura. Circa dieci anni fa, finalmente la luce si è spenta nel mio cervello e ho capito davvero che ogni libro che avrei scritto sarebbe stato il preferito di qualcuno e il meno preferito di qualcun altro, che non a tutti sarebbero piaciuti i miei libri. Questa consapevolezza è stata intensamente liberatoria. Mi ha fatto capire che per svolgere al meglio il mio lavoro mi devo concentrare solo sul compiacere me stessa. Veramente questo è stato il più grande ‘Momento’ della mia carriera.

Non sono solo gli autori di romanzi rosa ad avere il proprio sito web, Stuart Woods, http://www.stuartwoods.com, scrive gialli che colpiscono duramente ed è stato molte volte nella lista dei best-seller del New York Times.

Stuart risponde ad una domanda ben precisa: “sei uno degli autori più venduti e comunichi regolarmente con i tuoi lettori via e-mail, perché? “Questa modalità di interazione – dice – mi dà un tipo di feedback diretto. Ho la sensazione che quello che sto facendo sia la cosa giusta da fare. Non ho mai apportato particolari cambiamenti in quello che faccio a causa di quello che ho sentito dai lettori. La vasta preponderanza di persone ama i miei libri e mi scrive per dirmelo.

E non sono solo gli autori famosi che apprezzano i feedback e i commenti dei loro lettori.

Il libro più recente di Lydia Joyce, www.lydiajoyce.com, è “The Veil of Night” un intenso e sensuale remake del genere gotico, con un duca misterioso, un maniero in rovina e un’eroina più anziana con i suoi segreti da nascondere.

Lydia ci ha detto: “Per essere assolutamente grossolani, se non avessi dei fan, non potrei fare soldi. E se non riuscissi a fare soldi, scrivere sarebbe un hobby, non un lavoro!”.

“Ma i fan – continua Lydia – sono importanti per me ma molto di più che per delle semplici ragioni finanziarie. Il mio desiderio di diventare una scrittrice è iniziato all’epoca in cui scrivevo storie di fantasmi che raccontavo intorno ai fuochi delle ragazze scout. Amavo il modo in cui potevo influenzare le altre persone, come potevo emozionarle e farle interessare alle mie storie. Il piacere che le altre persone traggono dalla mia narrazione è una grande motivazione per me. Se non fosse così, mi limiterei a lasciare le mie storie nella mia testa, proprio da dove sono iniziate.

I lettori sono importanti per gli autori?

Lynne Connolly è l’autrice della serie di libri dedicati a “Richard and Rose”; si tratta di romanzi romantici e di suspense ambientati nella metà del XVIII secolo. Uno dei suoi libri, “Harley Street” mette il nuovo Lord e Lady Strang contro i loro nemici mortali, Julia e Steven Drury in una storia di vecchie trasgressioni venute a mettere alla prova il nuovo un nuovo amore.

Abbiamo chiesto a Lynne: “Perché i tuoi fan sono importanti per te come autrice?”. Ecco la risposta: “Convalidano il mio lavoro, mi dicono che sono sulla strada giusta. I fan in fin dei conti non sono degli ammiratori irragionevoli e spesso possono darti informazioni che non hai mai avuto prima e che possono essere molto utili per il lavoro di uno scrittore. Il loro incoraggiamento mi fa andare avanti e mi permette di presentare il mio lavoro a editori e agenti con molta più fiducia. Sono proprio loro che mi permettono di scrivere di più e danno la possibilità al mio editore di continuare ad avere fiducia in me. Mi siedo a casa tutto il giorno da sola con una tastiera per compagnia; queste sono per lo più le mie giornate. I fan si collegano con me, mi aiutano a mantenere l’obiettivo. E un fan è un lettore. Completano il collegamento e la comunicazione tra lo scrittore e il lettore che non deve mai mancare.

I lettori sono importanti per gli autori?

Marjorie Jones, www.majoriejones.com; “The Jewel and the Sword” è stato pubblicato dalla Medallion Press. Questa autrice afferma che i fan sono importanti per lei perché “Per me, sono la fine dell’esperienza di scrittura. Finire un libro è una sensazione fantastica. Vendere quel libro a un editore è una sensazione incredibile. Sapere che quel libro è ben accetto dal pubblico dei lettori è meglio di entrambi! Perché sono importanti? Perché senza di loro, le mie storie fluttuerebbero indefinitamente all’interno delle pareti del disco rigido del mio computer. Non ci sarebbe alcuno scopo, nessuna ragione vera per continuare a scrivere. I fan danno vita alle storie.

Prenditi qualche minuto e scopri qualcosa in più sul tuo autore preferito. Se ti è piaciuto qualche libro in particolare, faglielo sapere. Gli scrittori vorrebbero avere tue notizie e sapere cosa ne pensi di quello che scrivono.

I lettori sono importanti per gli autori? – articolo tradotto dall’inglese da Alan Revolti (editor e consulente di marketing della piattaforma Autoaiuto

Visita la nostra pagina Facebook: https://www.facebook.com/groups/librionline

Per contattare la nostra Redazione utilizza l’apposito form contatti.

LETTURE CONSIGLIATE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Programma tutoraggio per scrittori

close-link