Blockchain per l’editoria – una nuova opportunità per gli scrittori

Ci sono delle novità molto interessanti per gli scrittori più audaci e intraprendenti per il futuro. Qualcosa di veramente unico che riguarda alcune nuove modalità per creare e distribuire i nostri libri: il progetto Blockchain per l’editoria – una straordinaria opportunità per tutti quegli autori ed editori anche indipendenti che desiderano sperimentare forme innovative che – stando alle notizie apparse recentemente sul web – permetterebbero di entrare da protagonisti nel mercato delle criptovalute con un aggancio particolare al mondo dei libri.

Di che cosa si tratta esattamente? Vediamolo in questo articolo che tratterà in particolare alcune metodologie per creare libri unici e rari che si distinguano da quelli che ci sono in commercio e che, proprio per la loro esclusività, possono essere il veicolo per guadagnare attraverso progetti editoriali innovativi.

Forse qualcuno dei lettori già conosce il mondo delle criptovalute e quanto questo settore sia in evoluzione, soprattutto negli ultimi anni. Il Bitcoin, la prima criptovaluta apparsa sul mercato digitale vale oggi diverse decine di migliaia di euro e così anche quelle nate successivamente come Ethereum.

Blockchain per l’editoria – una nuova opportunità per gli scrittori

Il mondo del web e anche quello degli editori più audaci non si sono certo fatti scappare questa ghiotta occasione per aumentare i loro guadagni creando prodotti unici ed esclusivi da proporre sul mercato e da vendere nelle diverse taglie di criptovalute.

Stiamo parlando degli NFT (“non fungible token”) che possono essere utilizzati in molti settori come l’arte digitale (vedi ad esempio il sito Opensea che permette di creare opere d’arte digitale da vendere sul mercato online tramite il loro sito utilizzando le criptovalute), oppure l’editoria che sta sfruttando questa possibilità in altri modi. Uno di questi è offerto dal portale publica.com che offre agli scrittori e anche ai creativi irriducibili la possibilità di vendere le loro creazioni originali e commercializzare ogni genere di libro, ed anche ebook, disegni, schizzi, bozze di romanzi, ecc.

Blockchain per l’editoria – una nuova opportunità per gli scrittori

Per capirne il meccanismo è sufficiente visitare il portale Publica.com. Dando una rapida scorsa alle pagine del sito si potrà capire come iscriversi gratuitamente al portale e cominciare a guadagnare vendendo prodotti digitali esclusivi.

Ricaviamo dal sito medium.com un breve testo che chiarisce le modalità di partecipazione a questo progetto. Il sito è in inglese ma con l’aiuto dei traduttori online o della tradizione istantanea dei siti offerta da Google è possibile entrare nel vivo dell’argomento e comprendere perfettamente come operare. Ecco una traccia di massima tradotta in italiano su cosa è necessario fare e come operare per realizzare un NFT (prodotto digitale vendibile online a potenziali acquirenti attratti da questo mercato in evoluzione che ha già dato ottimi risultati nel mondo dei videogiochi e dell’arte digitale. La fonte del testo sotto riprodotto è tratta dal sito: https://medium.com/publicaio/introducing-book-collectibles-dc90efe1f5d8

Blockchain per l’editoria – una nuova opportunità per gli scrittori – Come funziona?

Ogni autore potrà caricare un libro (o altro contenuto letterario) e selezionare un numero di copie disponibile da 1 a 10, convertendolo in un token raro, unico e protetto crittograficamente che consentirà l’accesso ai contenuti tramite l’app di Publica. Gli acquirenti potranno acquistare un oggetto da collezione dal catalogo di Publica, accedervi con l’app e-reader di Publica ogni volta che lo desiderano, rivendere un oggetto da collezione utilizzando il mercato secondario proprietario di Publica o trasferire i diritti di proprietà semplicemente inviando il token a un’altra persona .

Gli acquirenti potranno acquistare libri da collezione con token PBL o fiat.

Blockchain per l’editoria – una nuova opportunità per gli scrittori – Che tipo di contenuto può essere venduto come oggetto da collezione?

Esistono molteplici casi d’uso che ogni creatore di contenuti può prendere in considerazione. Gli autori possono creare edizioni limitate e da collezione dei loro libri precedentemente pubblicati o convertire le loro opere inedite in oggetti da collezione. Ma ci sono molti più casi d’uso: gli autori possono vendere qualsiasi tipo di contenuto letterario come oggetti da collezione, saggi, bozze di libri, post di blog, disegni, foto, testi di canzoni, codice sorgente del software e molti altri.

Se avete letto con attenzione questi pochi passaggi citati dal sito sopra segnalato avrete sicuramente fiutato la ghiotta occasione offerta anche agli autori indipendenti e alle case editrici che in questo modo possono immettere sul mercato poche decine e anche un solo esemplare di un libro raro che sia diverso dall’originale in vendita sul mercato tradizionale. Non è difficile creare un oggetto editoriale raro ed esclusivo. Se dopo averlo commercializzato nelle forme comuni già note, ad esempio sulle varie piattaforme come Amazon, Google Play, Ibooks, Barnel and Nobles, ecc. in diverse migliaia di copie anche fisiche, sarà possibile successivamente creare delle copie esclusive da vendere come rarità a specifici amatori che desiderano collezionarle.

Ma cosa deve cambiare rispetto al libro originale? Come si crea un libro esclusivo da collezione? Quali caratteristiche dovrà avere? Presto detto, sarà sufficiente che contenga degli elementi esclusivi che non si trovano nell’originale, ad esempio una copertina diversa, qualche pagina in più, alcune variazioni del testo in determinate sezioni, delle illustrazioni esclusive non presenti nell’originale, ecc.

In questo modo sarà possibile entrare da protagonista nel mondo dell’editoria facendo uso di speciali prodotti chiamati NFT che proprio per le loro particolarità esclusive sono molto ricercati ed apprezzati dai collezionisti.

Ulteriori info su questo nuovo modo di fare editoria le trovate anche sui portali YouTube e Vimeo dove sono presenti video e tutorial che spiegano nei dettagli come si crea un NFT e in particolar modo come si produce un libro con le caratteristiche dell’unicità da vendere nei canali appositamente creati online come ad esempio quelli di Opensea e Publica.

Blockchain per l’editoria – una nuova opportunità per gli scrittori – articolo di Alan Revolti (editor e consulente di marketing).

Visita la nostra pagina Facebook: www.facebook.com/professionescrittore

Per comunicare con la nostra redazione utilizza l’apposito form contatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Programma tutoraggio per scrittori

close-link